martedì 24 novembre 2009

Ciò che si può e ciò che no…

Pubblicato da casalinga patrizia a 10:56
Ieri è stata una di quelle giornate gni…una di quelle giornate un po così, faticose che gia lo capisci da quando ti svegli che sarà dura, lunga e faticosa la giornata..
Già da quando ti svegli tutta incriccata e assonnata, e che finisci dentro la doccia come un automa sperando che l’acqua fresca ti risvegli le membra e che gli ingranaggi riprendano a muoversi..
Una di quelle giornate che speri che siano già finite ma che in realtà è appena cominciata e che sai già che vorrai dimenticare e che le cose andranno tutte più o meno sbilenche, non storte storte ma sbilenche, quello si..
Una di quelle giornate che sono tipiche del lunedì, della nottata passata tra un calcio e una spinta, tra un recupero all’ultimo secondo prima della caduta dal letto, dalla richiesta di acqua o dall’indecisione se dormire nel lettone o tornare nel lettino..
Una di quelle giornate che senti la schiena a pezzi per tutto questo contorsionismo notturno, e che lavorare sette ore davanti al computer sai che non ti aiuteranno..
Una di quelle giornate in cui devi organizzare al meglio la tua settimana e la prima cosa che ti dicono è che la riunione tanto attesa in questo posto QUI a cui eri stata invitata è stata spostata e che probabilmente la data sarà una di quelle date per te improponibili in cui il passaggio, nonnoni, fidanzato/babbo, amici e baby sitter ti lascerà dei buchi vuoti e che quindi ti faranno si passare la giornata a casa con la tua bambina ma che non ti permetteranno di andare li dove tanto desideravi andare, per vedere quel paesino di pescatori affacciato sul mediterraneo dove anche Dali ha pensato fosse un buon posto per vivere e morire, e dove avresti seguito un dialogo tra biologi e amministratori catalani per una migliore gestione della costa e del mare circostante..
Una di quelle giornate che il calare del sole si fa sentire, che entra nel tuo ufficio e ti avvisa che è ora di uscire, che il mal di schiena e di testa che stanno covando li si danno forza uno con l’altro e si fanno sempre più forti..
Una di quelle giornate che senti che ti sta arrivando l’influenza, o forse che sei solo debole e poi arrivi a casa e ti accorgi che anche lei, la tua piccola, si sente come te e per la prima volta nella sua giovane vita ti vomita addosso prima la carne, poi la mela e successivamente anche quel pezzo di pane che le avevi dato per tamponare…
Una di quelle giornate in cui lei ti vuole stare in braccio, con la testa appoggiata sulla spalla e quello sguardo che dice mamma sto male, non mi sento affatto bene, coccolami…
Una di quelle giornate che ti vengono alla fine tanti pensieri per la testa,che vorresti scriverli tutti, buttarli giù, metterli nero su bianco in un .txt di world, che vorresti che tutti leggessero e che allo stesso tempo fossero solo tuoi ma che buttarli li sul foglio ti servono per scacciarli, per renderli innocui, e irrilevanti..
E invece in una di quelle giornate gni pensi che il blog non sia un diario o meglio si è un diario, è un agenda dei fatti che ti accadono e che scrivi perché gli altri siano partecipi in qualche modo del tuo mondo, della tua vita, ma come in un diario si scrivono poi tutte le verità? Tutti i pensieri? Tutti i segreti? Oppure alla fine anche li un po’ si mente, un po’ si nasconde, un po’ si scrivono frasi cosi che ti servono per sentirti meglio ma che però non sono le vere frasi che vorresti scrivere, che queste frasi sono in realtà sfoghi velati, mascherati, sono frasi cifrate solo per te per farti ricordare che sotto le parole scritte in un post su una giornata gni in realtà c’era molto di più.. tutto il tuo stato d’animo, tutti i pensieri più impuri e tutte le elucubrazioni mentali che solo in queste giornate un po’ cosi non riesci a tenere a freno…?

7 commenti:

raffa on 24 novembre 2009 22:11 ha detto...

credo che tu abbia ragione.Anch'io mi ci metto per prima a volte commento per il solo piacere di scrivere,a volte commento per il solo piacere di comunicare e a volte quando scrivo forse del tutto non sono sempre completamente sincera perche' certe cose( a volte) le vuoi tenere per te.Non so se e' giusto ma credo sia vero.Buona giornata.ciao Raffa

casalinga patrizia on 25 novembre 2009 17:35 ha detto...

è proprio giusto secondo me..alcune cose devono rimanere dentro..è meglio...buona serata ormai...e magari quando torno ci conosciamo dal vero..

Se on 25 novembre 2009 22:26 ha detto...

Vero. E' meglio che certe cose rimangano chiuse nel cassetto.
Ma è anche vero che è bello sfogarsi....

E come state voi due????

PS: io non vorrei dire ma voi vi conoscete già....

casalinga patrizia on 26 novembre 2009 10:29 ha detto...

per Se: stiamo bene a parte l'hospital del mar...ma come non farci una capatina...
PS: per ora non mi viene in mente una raffa veterinaria..ma muble..muble...

ssssimoooo ha detto...

cara fede,
la lontananza porta con sè il bisogno della condivisione, un anelito naturale verso la comunicazione verbale e non, scrivere è linfa vitale e caricare le pagine dei propri pensieri, anche i più profondi, magari alla fine di una giornata ti aiuta sicuramente: scarichi addosso a tutti noi il tuo già passato in attesa della giornata che verrà...!!

ssimoo on 27 novembre 2009 11:15 ha detto...

ciao!!non ne capisco nulla di blog ma vedo che sono riuscita a scrivere..da ciò che leggo non colgo il tuo entusiasmo, mi dispiace molto, una vena malinconica pervade il tuo scritto..è quello che volevi trasmettere veramente?ti immagino tra la folla con Bianca nei vostri momenti liberi alla scoperta della città, sbaglio?o forse la delusione del lavoro intacca la tua curiosità, voglia di conoscere?un abbraccio

casalinga patrizia on 27 novembre 2009 12:24 ha detto...

sssiiiiiiiiimmmmmmmmmoooooooo era ora!!!! certo che se perdi i tuoi minuti prezisosi di libertà con il mio blog...insomma...
noi stiamo bene è stata una settimana un po travagliata ma efferrivamente fino alla settimana scorsa io e Bianca eravamo in giro alla scoperta della città, tra la gente, nei vicoli, nei parchi e ci siamo divertite un mondo...speriamo che la prossima sia ancora cosi...
un abbraccio a tutti i tuoi bimbi!!

Posta un commento

Bianca

Lilypie Third Birthday tickers

Agata

Lilypie First Birthday tickers

Abbey

PitaPata Dog tickers

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
 

A casa della casalinga Patrizia Copyright © 2010 Designed by Ipietoon Blogger Template Sponsored by Emocutez