domenica 24 luglio 2011

domenica di pioggia e sport

Pubblicato da casalinga patrizia a 20:06 0 commenti





venerdì 22 luglio 2011

deliri del venerdi

Pubblicato da casalinga patrizia a 09:39 2 commenti
allora tu pensi che dopo una notte così il venerdì non possa che iniziare con il piede giusto..
tu sola a casa con le bimbe...si guarda Madagascar tutte e tre assieme ( e io rido un sacco..perché ovvio i pinguini fanno morire...) e bianca che chiede perché rido..e poi.."quelle scene fanno proprio ridere" dice..avvinghiata al braccio sinistro bianca, avvinghiata al destro agata...poi agata inizia a far capire che ha sonno e cosi la porto nel suo lettino..e me la dimentico li..lei senza neanche un pianto si addormenta pacifica..
io mi posso godere il cartone e bianca..fino alla fine...poi a letto...lei nel suo lettino attaccata alla mia maglietta finché on è quasi addormenta e poi crolla con la promessa che dormirà sola nel suo lettino tutta la notte...
e così..una notte magica...hanno dormito tutte e due tutta la notte senza mai svegliarsi e io che non mi accontento mai..non ho chiuso occhio..il letto era troppo grande per me sola, non sono più abituata a non avere almeno altre due persone vicino a me...la poppata notturna è saltata ed è l'unico momento che abbiamo solo nostro e allora via di paranoie, per non parlare di quelle...ma dormono tutta la notte senza sevgliarsi perché 1)avranno freddo e saranno morte congelate..allora vai a vedere;
2) avranno le coperte sulla faccia e non respirano più e vai a vedere;
3) non dormono ma io sono cosi stanca che non risconsoco più i loro pianti..e vai a vedere..
4) sento dei rumori di sotto..non è che è entrato qualcuno..e vai di sotto a vedere..
cosi alla fine io non ho chiuso occhio tutta la notte comunque..ma mi sono riposata lo ammetto e nella mia testa malata ho pensato domattina quando ci sveglieremo saremo tutte riposate, tranquille e serene...
e invece...
il risveglio è andato benissimo, giochi sul letto, chiacchiere, abbracciatone, telefonate al babbo per saluto, ma poi si è scatenato l'inferno...l'inferno in terra...45 minuti di urla strilla e pianti..ma quelli con i singhiozzi e i tremiti...quelli non voglio fare questo, non voglio fare quello, prendimi in braccio, mettimi giù, rimani qui, vado via io, vai via te, rimango qui..e tutto perché la lasciavo a casa coi nonni e io dovevo andare a lavorare...e come si fa in queste situazioni?? io smettere subito di lavorare se servisse...e allo stesso vorresti uscire di casa il prima possibile e lasciare la rogna ai nonni...e poi via con gli sleghi 1) è tutta colpa mia perché io non ho un buon rapporto con mia mamma e lei lo sente e non ci vuole stare neppure lei, 2) vorrebbe stare con gli altri nonni ma per me è troppo sbattimento portarla sempre da loro perchè bisogna tutte le volte caricarsi la casa, 3) gliele dai sempre tutte vinte e te la fa sempre in testa lei alla fine..4) dia troppe attenzioni alla piccola anche se su questo sono sicura di no perché mi accorgo che sono capace di lasciarla giocare per ore da sola dimenticandomene quasi..5) la stresso con la colazione e lei sa che è il mio punto debole e allora inizia a strillare dicendo io non mangio più..e via mille remore mammesche sul " è troppo magra, non mangia, poi sta male..."
insomma un disastro su tutta la linea...e poi pensi che per lavoro dovresti lasciarle tutte due per una settimana a settembre e ti dici non è possibile..non ce la posso fare...non lo farò in effetti..vabbè deliri del venerdi...

lunedì 18 luglio 2011

Arene estive

Pubblicato da casalinga patrizia a 21:48 0 commenti
c'era un volta, tanto tanto tempo fa una coppia a cui piaceva andare in giro per arene estive...mettevano in testa la loro armatura e partivano per le pianure vicine alla ricerca di cinema all'aperto, tendenzialmente alla ricerca di quei film italiani che durante l'inverno erano scappati al loro occhio vigile...
c'era una volta, tanto tempo fa che una coppia andava molto spesso al cinema d'inverno, di solito erano le serate del martedi le preferite e di solto erano gli orari dei primi spettacoli quelli che rincorrevano...e così le estati in realtà finiva che andavano a vedere anche film stranieri alle arene estive perchè di film italiani ne avevano fatto scorpacciata per lunghe e fredde sere invernali...
c'era una volta tanto rempo fa..una coppia che amava i cinema all'aperto, quell'aria frizzante d'estate, quei parchi o giardini o semplici piazze abbellite per l'occasione, quelle sedie scomode e improvvisate..la birra fresca e le noccioline che sbucavano dalla borsa, e soprattutto il cantare dei grilli che faceva da intercalare tra un discorso e l'altro ma soprattutto la bellezza delle stelle, del cielo stellato..e il poter alzare gli occhi e lasciarsi immergere in quel nero luminoso...
c'era una volta tanto tempo fa.una coppia che amava i cinema d'inverno..quel correre fuori dalla macchina e infilarsi dentro le tende scure e pesanti di un cinema, quell'affondare i poltrone morbide e profumate, quel calore che si creava tra i tanti corpi infreddoliti, e poi dopo le lacrime o i sorrisi il ributtarsi fuori al freddo e sapere di poter ranicchiasi sotto le coperte immaginando e sognando scene appena viste...
tutto questo ora non c'è più..magari fra un paio d'anni tutto questo tornerà..per ora ci sono solo cartoni animati..scelti con cura ma cartoni animati..per ora ci sono solo visioni di coppia..ma un altra coppia...un adulto e un bambino...e l'adulto di solito è la femmina che si diverte un mondo in realtà durante queste visioni, per l'atmosfera, per il chichcericcio, per le urla infantili, per i pop corn (che in queste situazioni è un lusso che si può concedere..)..
ma di solio quelle che mi capitano sono visioni invernali che significano confusione, file e pomeriggi impegnati....
ma stasera...no..stasera la coppia era un adulto maschio e una bambina..e stasera era la sua prima arena estiva...c'è stata lei con lui a guardare le stelle e coprirsi sotto una coperta, ad ascoltare il cantare dei grilli che faceva da intercalare tra un discorso e l'altro.. e al posto della birra una borraccia dei barbapapà comprata poco meno che un anno fa a bruxelles...giusto per essere sul pezzo e cantare assime..."resta di stucco.. è un barbatrucco"

venerdì 15 luglio 2011

guarda che luna...guarda che mare...

Pubblicato da casalinga patrizia a 23:18 0 commenti
sarà perchè nel cielo c'è la luna piena..
sarà perchè la luna piena si rifletteva nel mare...
sarà perchè il pomeriggio è passato parlado con architetti, elettricisti e giardinieri della casa senza muri..
sarà perchè piedi nella sabbia è sempre piedi nella sabbia...
sarà perchè cenare in un posto così..dove i bambini possono giocare liberi con secchielli, palette, casette eamche colorate..e i grandi possono riposare, chiacchierare, bere spritz...
sarà perchè ho finalmente preso la decisione di cercare un nuovo lavoro e cambiare vità..
sarà perchè ho una famiglia mia meravigliosa...
sarà perchè quel vino bianco...el fighet..delle nostre colline romagnole era proprio fresco e leggero..
sarà perchè è cosi che deve essere l'estate...
sarà perchè amo vivere al mare perchè è come essere sempre in vacanza...
sarà perchè dobbiamo organizzare i prossimi viaggi tra le isole del mediterraneo e la costa azzurra...
sarà che domani ci aspetta una giornata piena di amici e bambini e piena di mare e sole...
sarà..ma questo è stato un bellissimo inizio week end...
buon fine a tutti!!

martedì 5 luglio 2011

7 mesi, 1 letto, 4 umani e 1 cane

Pubblicato da casalinga patrizia a 10:18 0 commenti
Scena.
Interno notte.
Fuori piove.
Il cane si sveglia perché ha deciso di ballare sotto la pioggia,
La donna non sente. Ormai è talmente stanca che riconosce solo i pianti umani..quelli canini sono di una lunghezza d’onda troppo bassa per lei..ora…
L’uomo sente. Si alza. Scende le scale e apre la porta.
Il cane esce. L’uomo si appisola sul divano..in attesa..
La donna sente un pianto. Si alza come un automa recupera il piccolo umano e lo trascina nel letto con se. In questa posizione il piccolo umano smette immediatamente di piangere e si addormenta.
La donna intanto si accorge che l’altra metà del letto è vuota. E non capisce.
Poi dei passi..dei piccoli passi..e un altro piccolo umano orami eretto si butta nel letto e cerca delle mani..grandi o piccole..ma che siano mani..da stringere forte..e si addormenta..
Poi degli altri passi…di zampette questa volta..accompagnati d un odore di pioggia..o di cane bagnato..e poi un sospiro..e il cane si affloscia accanto al letto e si addormenta…
Poi altri passi e sguardi interrogativi tra i due umani grandi..e l’uomo si stende nella sua metà…e si addormenta..
La donna..sfinita…non si addormenta…e aspetta che la pioggia finisca…e che arrivi presto il mattino…

Detto questo..so che come al solito non sto mettendo in atto le migliori tecniche di addormentamento infantile, che attuo comportamenti impropri e inadeguati per un corretto sonno di adulti, bambini e cani…ma io sono stanca…tra il lavoro, la casa nuova e vecchia, i pargoli e tutto il resto..sono stanca..e ho bisogno di dormire..anche le mie solite due ore per notte..ma almeno quelle…
Intanto siamo arrivati al settimo mese e i progressi sono tanti…stiamo sedute da sole, anche se ogni tanto caschiamo per terra sbattendo la zucca, abbiamo ben due dentini e stiamo entrando nella fase “io sono altro” e soprattutto inizia quel bel momento dell’ansia da separazione..cosi la bimba dolce e carina che prima si addormentava da sola e dormiva 11 ore per notte senza mai svegliarsi..ora è diventata un piccolo mostro notturno che si sveglia ogni due ore, che vuole la tetta per consolarsi e una mano per riaddormentarsi….

Bianca

Lilypie Third Birthday tickers

Agata

Lilypie First Birthday tickers

Abbey

PitaPata Dog tickers

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
 

A casa della casalinga Patrizia Copyright © 2010 Designed by Ipietoon Blogger Template Sponsored by Emocutez