lunedì 28 marzo 2011

3!

Pubblicato da casalinga patrizia a 09:49 0 commenti
BUON COMPLEANNO PICCOLO SCHIZZO!!!

mercoledì 23 marzo 2011

GARIBALDI

Pubblicato da casalinga patrizia a 11:05 0 commenti
E' ufficiale! Ci hanno preso alla Garibaldi! Beh visto i festeggiamenti della scorsa settimana, direi che siamo sul pezzo!
Quest'altr'anno comincerà una nuova avventura! Per Bianca ma anche per la mamma!
Si andrà alla scuola materna! Si andrà alla scuola materna in città! Non più con gli amichetti, figli delle amichette della mamma! Non più nelle stesse aule, negli stessi muri, negli stessi pavimenti che hanno visto crescere la mamma! Si cambia! Diventeremo gente di città! Gente di centro!
La scuola materna in realtà è stata scelta in corrispondenza con la vicinanza della nuova residenza...fiocco house si trasferirà (prima o poi) alla Grey house (detta anche per ora..casa senza muri). E così la scelta è stata quella di far cominciare Bianca in una scuola cittadina. Per non doverla poi spostare di anno in anno da una scuola all'altra.
Grandi cambiamenti! Grandi novità! Per tutti!
La scuola da fuori sembra bella, vicina ai giardini pubblici del resto..così ci si immaginano già uscite dalla scuola che finiscono dritte ai giochi del parco...
La scuola da dentro ad essere sincera non l'ho vista..spero di riuscire ad andarla a vedere per rendermi conto di aver fatto una buona scelta.
Nessun amichetto dell'asilo verrà con noi! Saremo sole! In questa nuova avventura! Ma conosceremo un sacco di amichetti nuovi! Che emozione! Bianca ancora non lo sa!
E poi dovrò dirlo anche alle dade! perché io mica la sapevo questa cosa bella che fanno le dade dell'asilo..chiameranno la scuola materna per fare un colloquio personalissimo su Bianca!!
Che storia!!
Intanto anche oggi abbiamo chiesto loro se la mamma poteva rimanere all'asilo a giocare! Ma anche oggi mi hanno mandato a casa!! Mannaggia...

mercoledì 16 marzo 2011

lo so non si fa

Pubblicato da casalinga patrizia a 11:59 0 commenti
ma siamo in finale....qui....
perciò correte a votarci....
ovviamente siamo quelli con il cane....

P.S. Per gli incapaci...cliccate sulla parola qui e postate un commento votando la nostra foto..
HIHIHIHIHIHIHI!!!!!

lunedì 14 marzo 2011

Anita e Costanza

Pubblicato da casalinga patrizia a 12:06 2 commenti
Sono nate l'8 marzo!
Ad un minuto l'una dall'altra!
Sono piccole e con tanti capelli!
Due nuove amichette per Sky e Dylan!
Si prospettano grandi vacanze bambinesche!
Sono femmine e stanno bene!
Anche i loro genitori!
A cui vanno i nostri più cari auguri....
e glieli abbiamo fatti così...



giovedì 10 marzo 2011

dato di fatto

Pubblicato da casalinga patrizia a 22:14 0 commenti
M. Sabato io e il babbo andremo ad un concerto (Leggi Giovanni Allevi)
B. Io con chi sto?
M. Con i nonnoni.
B. Anche Agata?
M. Si!
B. Bene,
ah Mamma???
M. Si?
B. La nonna Piera ha le tette grosse come le tue!
M. ??????????????????????????????????????????????
B. Si, cosi se tu vai via può dare lei il latte ad Agata.

martedì 8 marzo 2011

folletto del bosco

Pubblicato da casalinga patrizia a 09:42 0 commenti
eccoci..la nostra prima festa di carnevale...e nonostante io non ami particolarmente questa ricorrenza e i travestimenti in genere..è stato divertente...
ho preso in mano addirittura ago e filo..e la cosa più divertente di tutte è stato andare a fare shopping per l'occasione, un giro dal fiorista, poi dal ferramenta e ovviamente la cartoleria...
e se all' inizio dovevamo vestirci da topo cuoco o cuoco topo dalla passione per ratatuille e per la cucina di legno che ha portato Agata quando è nata con tanto di berretto e grembiule...
alla fine abbiamo optato per un più bucolico e colorato folletto del bosco...
facile da preparare, con capi che già avevamo in casa...un berretto rosa di quando eravamo più piccole e una giacca verde super frikkettona comprata in una bancarella a Barcellona, e ai piedi le peppe casa regalate dal nostro spasimante Diego.
Io ho aggiunto una molletta a forma di farfalla (trovata per caso dalla fiorista) e uno pseudo tutù in tulle sulle tonalità del rosa, lilla, viola e verde...
Questo è l'effetto...

lunedì 7 marzo 2011

dimenticanze

Pubblicato da casalinga patrizia a 08:20 0 commenti
sole.
finalmente una Abbey giornata.
si va in spiaggia.
con amici umani grandi e piccini e con amici cani.
Tutti in macchina. Mamma, babbo, Bianca, Agata, Abbey.
Ci siamo tutti?Pronti? via...
in spiaggia sole e caldo...
Abbey corre con i suoi amichetti..due levrieri e un bracco. Abbey, Skye, Dylan e la nuova arrivata Olga.
Bianca gioca con i suoi amichetti. Lorenzo e Maria Sole. Su e giu per scivoli e casette dove preparare ottimi piatti di pasta...
Agata dorme.
Gli umani grandi chiacchierano. In allegria. In tranquillità. Di cose da grandi. Di sport estremi. Di viaggi. Di nascite e di case da ristrutturare.
Pranzo.
Si sale in macchina. Destinazione piadina!
Tutti in macchina. Mamma, babbo, Bianca, Agata, Abbey.
Ci siamo tutti?Pronti? via...
Parco. Piadina e Birra.
I cani si riposano.
I bambini giocano. Altalene e scivoli.
Si chiacchera. Di nuove amicizie. Di vacanze. Di difficoltà. Di incontri.
E' ora della nanna. Ci si deve preparare per un compleanno di treenne.
Ieri un altro compleanno di treene. "Mamma questo compleanno è stato molto divertente". E' gia bastano pochi gonfiabili per rendere tutto meraviglioso.
Tutti in macchina. Mamma, babbo, Bianca, Agata, Abbey.
Ci siamo tutti?Pronti? via...
Si parte. Si attraversa il canale. Arrivati dall'altra parte. Un dubbio.
Abbey? non so! L'hai presa tu? sarà dietro con Bianca. Ma se di solito sta sotto i tuoi piedi. Già. Qui non c'è!. E quindi? dov'è?
Bene. Abbey l'abbiamo dimenticata al parco. Da sola. Abbiamo caricato tutto in macchina. Quasi tutto! Lei no! Lei è rimasta la! Legata ad un palo! Fortunatamente!
Si torna indietro! Si attraversa il canale! Arrivati dall'altra parte! Lei è li che aspetta! Non ha mica capito che è successo! Fortunatamente! O almeno lo spero! La gente attorno intanto stava per chiamare i carabinieri perchè vista la scena pensava che volutamente avessimo abbandonato il cane! Sai, un week end fuori porta, un parco, tanta gente, vuoi che qualcuno non si commuova e porti a casa questo dolcissimo cucciolo grasso...??

venerdì 4 marzo 2011

Cara Agata,

Pubblicato da casalinga patrizia a 15:38 2 commenti
Cara Agata,
questa lettera è per te, per te che sei qui tra le mie braccia con il tuo fischio nasale, che sei qui tra le mie braccia perchè la tua sorella maggiore dorme..
questi minuti sono per te, solo per te, per te che sei nata presto, troppo presto, perchè forse volevi vedere il mondo, oppure solo per dare un volto a quella vocina che allietava le tue giornate dentro la pancia...
ti scrivo perchè è la cosa che mi riesce meglio, il modo migliore per esprimere le emozioni, quelle più nascoste, quelle più vere, sia felici che tristi...
sei nata seconda, e io non ho mai saputo cosa volesse dire essere seconda..ma in questo periodo che sei tra noi mi accorgo che è duro, difficile, faticoso essere secondi...
che si impara subito cosa vuol dire aspettare, cosa vuol dire non disturbare, cosa vuol dire attendere il proprio turno per una carezza, un abbraccio, uno sguardo..e cosi tu hai imparato subito a stare li, in un angolo, calma e tranquilla mentre attorno a te si scatenava un finimondo di danze e di canti...e di rumori assordanti..anche...
ieri hai compiuto tre mesi...tre mesi veloci, rapidi, tre mesi che non scorderò mai, come quelli che verranno del resto...
essere secondi vuol dire anche essere più fragili, più attaccabili anche dagli agenti esterni...
ieri hai compiuto tre mesi e per l'ennesima volta siamo state in ospedale..io e te...ed è in quelle ore sole in una stanza io e te che mi rendo conto della tua fragilità e della tua necessità di affetto..che quando siamo a casa mascheri cosi bene..che quelle poche volte che ti sento piangere, il tuo pianto è leggero, debole, pacato..come a scusarti di darci disturbo..noi che siamo presi ogni giorno dai capricci e dai giochi di tua sorella..perchè sai anche essere i primi non è semplice, è faticoso...imparare ad aspettare quando non lo si ha mai fatto, imparare a condividere quando non si ha mai avuto necessità di farlo...
in questi mesi ci sono stati tanti alti e bassi, e ogni giorno era una nuova vittoria, a cui poi seguiva una giornata di sconfitte..e la mia cocciutaggine ha sempre incrementato o ridotto l'intensità di queste vittorie e sconfitte...
ti scrivo perchè sono stanca, e vorrei che capissi (lo so è stupido scriverti queste cose), ma è una forma di autoaiuto, un aiuto a me stessa...per tirarmi su..perchè ho deciso, di mettere i remi in barca, di lasciare che la barca vada da sola, di aspettare una corrente più forte che mi trascini in qualche porto più saggio...
non voglio più insistere con me stessa, non voglio più pensare di averti deluso...
ce l'ho messa tutta (veramente), avrei voluto avere la stessa forza che ho avuto con tua sorella perchè non volevo che vi sentiste diverse, che un giorno quando sarete grandi parlete delle differenze con cui siete cresciute e non vorrei mai che una delle due si sentisse in deficit rispetto all'altra..voglio donarvi tutto il mio amore in ugual misura anche se questo vuol dire fare scelte diverse, avere comportamenti diversi e soprattutto avere attenzioni diverse...
in questi giorni sembra che anche tu abbia messo i remi in barca, che non voglia crescere forse sei stanca di questo essere seconda...e io con i miei atteggiamenti testardi (ma tu poi sarai come me...) ti sto acconsentendo di farlo...
ma ora basta...ho deciso di alzare la testa e di metterecela tutta..dovrò combattere con le mie idee, con le mie fisse e con le mie manie..e combatterò per tanto tanto tempo...
ma ormai hai tre mesi, quello che ho potuto te l'ho donato con tutta me stessa...
ti scrivo questa lettera per chiederti scusa, scusa perchè quando sei nata ero cosi provata che non sono riuscita nemmeno a prenderti in braccio, e mi sono addormentata...e quando mi sono risvegliata ci siamo incontrate, toccate, accarezzate per troppo poco tempo perchè poi ti hanno portato via da me...
ti chiedo scusa perchè quando eri nella mia pancia sono stati pochi i momenti solo nostri, i momenti in cui potevamo ascoltarci...
e ora ti chiedo scusa perchè ti tolgo anche questi momenti a due, perchè ho deciso di passare il testimone a qualcun'altro, ho deciso di non esssere più indispensabile per te,di dare il potere di farti crescere anche a qualcun'altro....
ti scrivo questa lettera perchè tu sappia che ti crescerò con tutto l'amore che posso....

martedì 1 marzo 2011

la maternità INPS è...

Pubblicato da casalinga patrizia a 14:22 1 commenti
è stare a casa un mese prima di partorire e partorire due giorni dopo l'inizio di quel mese...,
è continuare a lavorare da casa per mantenere quel lavoro che ti ha permesso di avere questi 5 mesi retribuiti all'80% (ma poi servirà a mantenertelo il lavoro???),
è poter portare la bimba grande all'asilo tutte le mattine anche in tuta..tanto consegni e scappi a casa,
è poter salutare dalla finestra il babbo che ogni tanto porta lui la bimba grande all'asilo,
è aspettare che si faccia l'ora esatta per andare a prendere la bimba grande all'asilo e magari arrivare 5 minuti prima che aprano il cancello,
è ritrovarsi con una tazza di the bollente affianco al PC con mille finestre aperte sui siti più improbabili,
è mangiare in piedi davanti al frigorifero le rimanenze dei giorni prima,
è anche fare ovviamente tutte quelle cose da mamma tipo cambiare il pannolino, allattare, cullare e dondolare....ma questo è scontato..,
è trovarsi con tutte e due le bimbe ammalate che ti si avvinghiano addosso come kolala (e non è un errore di battitura),
è sfogliare giornali di casa accarezzando il cane che ti russa di fianco,
è pensare tutto il giorno a cosa preparare per cena e ritrovarsi alle 6 senza aver ancora preparato niente,
è non uscire di casa per giorni e fare liste su liste delle cose che ti servono con le indicazioni dei negozi dove reperirle..e quando riesci ad uscire dimenticare le liste a casa e non comperare nulla,
è decidere (da mamma ingrata) di prendersi un paio d'ore per farsi una spa con il proprio lui per festeggiare il suo compleanno,
è decidere di non fare i lavori domestici per un giorno intero dicendo tra se e se che avrai tempo nei prossimi giorni con tutto sto tempo libero,
è raggiungere un'amica che non vedevi da tanto e che ti chiama all'improvviso perché è passata di qua solo per un paio di giorni,
è passare ore al telefono con altre mamme in maternità INPS a parlare delle solite cose da mamme,
è leggere un libro stesi sul letto e lasciarsi addormentare,
è andare con calma alle riunioni dell'asilo, ai colloqui dell'asilo, dalla pediatra, dalla fisiatra e a tutti gli altri impegni mammeschi,
è ascoltare il silenzio di una casa vuota,
è uscire a passeggio con cane e bambina addosso e decidere di fermarsi a mangiare una cosa in un bar per pranzo,
è avere la testa piena di idee ma non riuscire a concretizzarne nemmeno una...
insomma la maternità dell'INPS è proprio una pacchia...peccato che il 1 maggio finisca..(ma si potrà???)...

P.S. devo iniziare a preparare il vestito di carnevale per la festa dell'asilo..siccome la fantasia, la manualità e il carnevale sono cose molto lontane da me...prossimamente vi racconterò cosa ho tirato fuori dal cilindro....in testa ho addirittura due travestimenti...

Bianca

Lilypie Third Birthday tickers

Agata

Lilypie First Birthday tickers

Abbey

PitaPata Dog tickers

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
 

A casa della casalinga Patrizia Copyright © 2010 Designed by Ipietoon Blogger Template Sponsored by Emocutez