mercoledì 16 settembre 2009

appunti

Pubblicato da casalinga patrizia a 10:54
Ed Eccomi qua su un treno in direzione Bologna! Finalmente!
Ma partiamo con ordine.. stamattina sveglia all’alba, poi mi è toccato svegliare anche Bianca che dormiva come un angelo dopo che stanotte si era svegliata perché ieri sera mi era venuta la brillante idea di coprirla con il lenzuolo e lei odia il lenzuolo, e cosi si sveglia nel pieno della notte, e fa fatica a riaddormentarsi, e poi le viene il raffreddore perché io peso le metto il lenzuolo cosi può stare con un pigiama più leggero, lei si scopre e starnutisce.
Comunque.. la vesto le do un succo da bersi in macchina e la porto dai nonni, ovviamente lei insieme ad Abbey (mai sole loro due). Pensando già che starà tutto il giorno dai nonni, che giocherà, si divertirà, mangerà tutta la pappa, e che alle 18.30 il suo babbo la andrà a prendere e la porterà a ritirare la nostra cassetta di frutta e verdura allo Spartaco, poi andranno al parco e poi a casa mangiare, giocare e poi nanna (in realtà il suo babbo l’è andata a pendere alle 19.30 passate.. mannaggia a lui!!).
Comunque, passo dal lab, accendo il computer e cerco di comprare un biglietto delle ferrovie d’Italia via internet e mi rendo conto sempre di più di quanto sono complicate e male organizzate le ferrovie dello stato.
Poi, recupero la macchina la porto dall’elettrauto e scope che ci sono ben quattro lampadine bruciate e un fusibile partito e cosi perdo tempo prezioso mentre il tipo mi racconta che ieri sera hanno rubato una tartaruga fatta di mosaico che era nel bel mezzo di una rotonda al posto della classica aiuola di fiori. Che io poi mica l’ho mai capita questa storia della tartaruga messa li come simbolo della città (anche se guardando il post di ieri magari un senso adesso c’è…mahh)
Comunque, salto in macchina e arrivo fino a Bologna, parcheggio la macchina in un parcheggio sotterraneo e vado fino in stazione per prendere un treno direzione Bolzano. Arrivata in stazione ovviamente passo 10 minuti alla macchinetta elettronica (self service) per recuperare i biglietti che avevo giusto giusto comprato on line con la mia carta di credito e di cui mi ero stampata la ricevuta (e mica basta quella..???).
Comunque treno in ritardo: 40 minuti!!! E te pareva!! A questa ora ero già arrivata a verona!
Comunque finalmente riesco a partire e il treno ovviamente in direzione nord recupera il tempo di ritardo e con soli 20 minuti in più rispetto all’ora prevista scendo a Bolzano.
Il paesaggio in realtà durante il tragitto cambia in maniera meravigliosa.. l’ultimo tratto è un susseguirsi di filari di vite, meli verdi e rossi che si danno il cambio e monti da una parte all’altra del treno…ecco una delle note positive della giornata.. e della scelta del treno, poter leggere, ascoltare musica e guardare fuori dal finestrino come una bimba incantata per tanto spettacolo (io poi persona di mare e pianura padana..).
Comunque Bolzano! Bozen! Passeggio a piedi per raggiungere il luogo del convegno, un ex colonia fascista ristrutturata dal comune per ospitare più di 15 laboratori che si occupano dia ambiente e di ecologia. Ovviamente hanno dovuto mantenere i colori originali ma per il resto ogni ufficio e laboratorio presenta delle enormi vetrate su cui si vedono i monti!
Comunque alle 18.00 finalmente il motivo della mia giornata, del mo viaggio. Finalmente la premiazione! Con tutto uno sproloquio di complimenti e bla bla bla. Ma alla fine ce l’ho! Il mio assegno! In realtà ne ho due!! Perché questi ecologi sono pure burloni e me ne hanno fatto uno grande come la pagina centrale di un quotidiano e uno piccolo! Quello vero! Quello che mi permetterà di svernare in Spagna! E un tipo che mi si avvicina dicendomi!! Bellissima Barcellona! Ci ho vissuto un sacco di anni per lavoro! Ora sono a Bruxelles! Tutta un'altra cosa! Tutta un’altra gente Tutto un altro clima! Ti divertirai un sacco! Ma lo parli catalano?? Vabbhe ricordati: ad uno di Barcellona dì sempre che il catalano è diversissimo dallo spagnolo! Farai un figurone..mahhhh.
Comunque finita la premiazione, mi bevo velocemente un bicchiere di buonissimo Lagrain e mi mangio una fetta di speck mentre corro per prendere il treno che mi riporterà a casa. Bozen – Verona! Faccio il viaggio sperando di riuscire a prendere la coincidenza (5 minuti tra un treno e l’altro) per poter arrivare a Bologna in orario decente e non rischiare di dover dormire nella città di Giulietta e Romeo.
Ed Eccomi qua su un treno in direzione Bologna! Finalmente! Fuori è buio, piove e fa freddo! Ma sto tornando e Bianca dorme già! A casa sua! Nel suo letto! Senza lenzuolo e spero che suo babbo le abbia messo un pigiama più pesante e le abbia fatto i lavaggi al naso per il raffreddore!

P.S. Nel frattempo forse ho trovato l’appartamento. Un monolocale al primo piano di un edificio tipico del Barrio Gotico! A 10 minuti a piedi dal laboratorio! Quello di fronte alla spiaggia della Barceloneta! E a 5 minuti dal parco delle Ciutadella (che il mio amico di oggi ha decantato come il più bel parco di tutta Barcellona!). L’affitto sembra accettabile e la tipa mi ha anche parlato di un super asilo gestito da spagnole e tedesche e di una babysitter che è un sole! Cosi dice!

2 commenti:

romì on 16 settembre 2009 14:12 ha detto...

brava cara!
vedi che tutto s'aggiusta alla fine.
ma chi è questo che sta a Bruxelles?
buona guarigione per bianca.
baci.

casalinga patrizia on 16 settembre 2009 21:59 ha detto...

boh un tipo..non ho ben capito..e comunque grazie e comunque detto da te..dopo gli anni infernali che ti sei passata! ma almeno è finita! bonasorte!

Posta un commento

Bianca

Lilypie Third Birthday tickers

Agata

Lilypie First Birthday tickers

Abbey

PitaPata Dog tickers

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
 

A casa della casalinga Patrizia Copyright © 2010 Designed by Ipietoon Blogger Template Sponsored by Emocutez